Correva l’anno 1692, 271 anni prima che il primo catalogo Pantone facesse la sua comparsa, quando un artista unicamente noto come “A. Boogert” creò un libro di 800 pagine sui dipinti e gli acquerelli, scritto e dipinto a mano.
Boogert non parlava solo dell’uso dei colori nella pittura, ma spiegava come creare le sfumature, mescolando il colore con l’aggiunta di una, due o tre parti di acqua. Detta così sembra una sciocchezza ma il “Traité des couleurs servant à la peinture à l’eau” è probabilmente la più completa guida sui colori mai esistita quel tempo.
Secondo lo storico medievale Erik Kwakkel, che ha trovato il manoscritto in una biblioteca in Provenza, in Francia, e che è riuscito a tradurre parte dell’introduzione, il “libro dei colori” è concepito come una guida didattica. La cosa divertente è che ne esiste un’unica copia e che probabilmente è stato visto da poche persone.
Se siete interessati ad approfondire la cosa, qui trovate l’intero manoscritto digitalizzato e qui la fonte.

follow-the-colours-book-of-colours-1642-05

follow-the-colours-book-of-colours-1642-03

follow-the-colours-book-of-colours-1642-02


2 commenti

Paola Micheletti · 21 Dicembre 2019 alle 16:56

Buongiorno, nel cercare di aprire il catalogo digitalizzato mi riporta ad un’altra pagina ma non c’è

    antonio_filigno · 8 Gennaio 2020 alle 14:50

    Buongiorno Paola,
    ti ringrazio per la segnalazione, evidentemente quel link non è più disponibile.
    proverò a vedere di trovarlo da qualche altra parte.
    Buona giornata
    antonio

Rispondi a antonio_filigno Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *